Lo psicologo nel team di Diabetologia. Una sedia in più in ambulatorio
di Mara Lastretti

In Diabetologia più di 10 anni fa si pensava ad avere uno psicologo nel team come possibile sostegno nella gestione della complessità della persona con diabete, ma lo si vedeva come un oggetto mitologico, qualcosa di utile ma di impalpabile.

Lo scenario è cambiato nel tempo, si costruito o meglio si è co-costruita una visione che al team includesse anche lo psicologo.

Ma la Psicologia cosa può apportare di nuovo? Ma mi metteranno sul lettino?

Ecco che, piano piano, dietro alla scrivania compariva lo/a psicologo/a, di fianco al diabetologo/a o alla-il dietista che portava ascolto e che si metteva tra una visita e l’altra ad accogliere vissuti, routine, fragilità e opportunità.

Vivere con il diabete è una sfida importante e a “combatterla” non può essere solo la persona che la vive, ma a sostenerlo, oltre alle persone che condividono la quotidianità, anche il Team.

Infatti sia il sapere, che il saper fare e il saper essere rappresentano l’armatura, lo scudo e la freccia sono gli strumenti che il Team fornisce alla persona che quotidianamente vive il diabete.

Ma anche il Team può soffrire come tutte le helping professions di stress generato dal lavoro, infatti all’operatore sanitario viene chiesto di confrontarsi con tante persone in un solo giorno di dare informazioni, curare ed educare più la burocrazia legata alle richieste aziendali.

Lo spazio psicologico assume la funzionalità di facilitatore, di creatore di piani nuovi di lavoro, di tirare fuori e di entrare in contatto con tutta la gamma di emozioni legate al Burn out ma anche in contatto con tutte le risorse che quotidianamente l’operatore sanitario mette in gioco anche in questo momento così difficile di pandemia.

La psicologia risponde quindi facendo parte del Team e promuovendo salute non solo ai pazienti ma anche agli operatori sanitari, conquistando così la stanza e la sua sedia di lavoro nella complessità che il mondo della cronicità ed in particolare il diabete richiede.