Burnout - III parte
di Mariano Agrusta

PREVENIRE E AFFRONTARE IL BURNOUT

Per affrontare il Burnout dobbiamo considerare diversi possibili livelli di intervento

Strategie Centrate sulla Persona:

Strategie finalizzate al miglioramento del benessere psicologico che necessita di una comprensione approfondita dei propri bisogni e delle proprie motivazioni. La maggiore consapevolezza acquisita porta a modificare il rapporto con il proprio lavoro.

Tecniche basate sul rilassamento:

Queste tecniche vengono utilizzate per favorire il fronteggiamento dello stress ed Il cambiamento delle abitudini lavorative: con l’obiettivo di ridurre o distribuire il carico lavorativo con pause regolari o evitando di lavorare oltre orario.

Sviluppo di capacità di coping:

Strategie finalizzate ad aumentare la capacità di affrontare situazioni lavorative stressanti senza agire direttamente sugli aspetti del contesto con tecniche volte ad affrontare e gestire le proprie emozioni negative.

Es. Mindfulness-based Stress Reduction (sensibilità nel prendersi cura dell’altro, comprensione, connessione emotiva, consapevolezza delle emozioni proprie ed altrui)

Strategie Centrate sul contesto:

Queste strategie vanno ad agire principalmente sul miglioramento del clima lavorativo e il rafforzamento delle relazioni. Es. Riunioni e confronti giornalieri, debriefing, momenti di socialità, maggior intervento nei processi decisionali, rotazione delle mansioni

Strategie Centrate sulla persona in situazioni di emergenza:

Lo stress correlato alla pandemia, subìto dagli operatori sanitari, può essere mitigato attraverso interventi di sviluppo della resilienza: target specifico sono i professionisti che, pur senza pregressi problemi psichici, rischiano di veder compromesso il proprio “equilibrio mentale”.

La resilienza è quel costrutto che indica la capacità di ridurre/mitigare gli effetti negativi di un evento stressante, tale capacità deriva dalla preparazione o anticipazione della situazione e consente di uscirne rinforzati (“far rimbalzare”).

Un approccio evidence-based è il “pronto soccorso psicologico”: la metodologia PFA - psychological first aid facilita una ripresa resiliente subito dopo un trauma. Gli operatori possono apprenderla facilmente, anche senza pregresse conoscenze di salute mentale, e sperimentare che si può aumentare la propria resilienza anche attraverso il sostegno e l’aiuto fornito agli altri

Per approfondire

  • Pellegrino F.: La sindrome del burn-out. Centro Scientifico Editore, Torino, 2009
  • Pellegrino F, La salute Mentale: clinica e trattamento, Edizioni Medico Scientifiche, Torino, 2018
  • Pellegrino F, Esposito G, Burn-out, mobbing e malattie da stress, Positive Press, Verona, 2019
  • Statement: Physical and Mental Health key to resilience during COVID19 pandemic.

Statement to the Press by Dr Hans Henri P. Kluge, WHO, Regional Director for Europe (26/03/2020)

  • Learning from the pandemic to better fulfil the right to health, Council of Europe, 23/04/2020

Commento della Commissione per i diritti umani del Consiglio europeo sulle “lezioni” apprese dalla crisi attuale

  • Brymer M, Layne C, Pynoos R, Ruzek J, Steinberg A, Vernberg E, et al. The Psychological First Aid Field Operations Guide. Second ed. Terrorism and Disaster Branch, National Child Traumatic Stress Network, National Center for PTSD, 2006